COME AMARE SE STESSI

Amare se stessi per vivere felici e stare bene con gli altri



Ciao a tutti Bella Gente! Oggi vi parlerò dell'amore verso se stessi come elemento imprescindibile per la felicità delle persone.

La parola “amore” a moltissima gente evoca il “pensare agli altri”. Per questo vengono subito in mente i propri figli, i genitori, gli amici, i compagni di vita. Ma per quanto l’essere umano sia un animale sociale e per quanto le relazioni interpersonali rivestano un ruolo importante nella vita, prima di dimostrare amore agli altri è importante capire come amare se stessi. Perché è con noi stessi che viviamo ogni giorno, perché la nostra felicità è un impegno che non può essere delegato ad altri e perché amare se stessi e farsi felici vuol dire saper amare gli altri e saper farsi amare dagli altri.

Una persona che sta bene con se stessa, che ha imparato a volersi bene, è una persona che sta bene con gli altri e che, quando riceve una critica, sa accettarla e farne tesoro se costruttiva e lasciarla scivolare via quando inopportuna. Perché volersi bene vuol dire conoscere i propri pregi e difetti, essere consapevoli di se stessi e, forti di questa consapevolezza, imparare ad amarsi.

"Nessuno può farti più male di quello che tu fai a te stesso."

INIZIA DAL MODO DI PENSARE

Partiamo da una serie di riflessioni che ti aiuteranno a imparare ad amarti.

  • Chiediti chi sei. Si ama qualcosa in modo consapevole perché si conosce l’oggetto del proprio amore. Per imparare ad amare te stesso in modo sincero e costante devi prima di tutto imparare a conoscerti.

  • Scopri cosa ti rende unico. Le persone che ti circondano non sono il metro del tuo valore. Se hai una sincera consapevolezza di te stesso, anziché vivere il confronto con chi ti circonda in negativo, attraverso gli altri puoi scoprire cosa ti rende unico, quali sono le qualità che ti distinguono dagli altri. Innamorati di te anche per la tua unicità, per quei pregi che riconosci di avere e per quelli che ti vengono riconosciuti.

  • Riconosci i tuoi pregi. Sminuirsi per non sembrare arroganti significa rischiare di trascurare pregi e potenzialità, che invece bisogna riconoscere e nutrire. Amare te stesso significa non nascondere né negare i tuoi pregi, ma farne i tuoi punti di forza.

  • Lavora sull’autostima. Come puoi pensare che gli altri ti stimino se tu per primo non ti stimi? Come puoi pensare che possano credere in te se tu per primo mostri di non credere in te stesso? Cosa ti manca realmente? Le qualità o il coraggio di riconoscerle? Impara a credere in te stesso.

  • Impara a perdonarti e andare avanti. Se pensi che l’amore per te stesso sia compromesso da errori fatti in passato, rifletti sui tuoi comportamenti, dai loro il giusto peso e getta alla spalle il passato e i sensi di colpa. Il passato è passato.

  • Pensa a cosa ti rende felice. Impara a pensare a te. Fa parte di una sana forma di amor proprio una giusta dose di egoismo. Non è solo una diceria, che se non ci pensi tu a te stesso non ci pensa nessuno. E se anche così non fosse, sicuramente nessuno può sapere più di te cosa ti fa stare bene. Se ti vuoi bene, ti chiedi cosa può renderti felice. Cosa vuoi per te, quali sono i tuoi obiettivi, dove vuoi andare. E agisci in vista della tua felicità, scegliendo per te. Questo vuol dire anteporre le scelte che rendono felice te a quelle che fai per rendere felici gli altri e, solo di riflesso, te. Anche se puoi sentirti appagato nel fare felice qualcuno a cui tieni, se la tua felicità è conseguenza della felicità degli altri, con ottime probabilità sarà solamente una sensazione effimera.

  • Lascia perdere giudizi e pregiudizi. Due grandi nemici devi evitare per imparare ad amarti: i giudizi pesanti con cui misuri te stesso e la paura dei giudizi altrui. Credi in te, amati e impara a ignorare tutto quello che non può giovarti in alcun modo.



INIZIA SUBITO AD AMARTI

  • Fai un elenco delle cose che ami di te. Prenditi un attimo di tempo e fermati a riflettere sulle cose che hai fatto, su quelle che ti sono riuscite meglio, su quelle che ti hanno dato maggiori soddisfazioni, che si tratti di piccole cose o di eventi importanti. Pensa a cosa non cambieresti di te, perché per imparare come amarsi bisogna innanzitutto capire cosa c’è di amabile in se stessi.

  • Ritagliati i tuoi spazi. Questa società va di fretta, e non è facile pensare a se stessi quando si è presi da mille cose contemporaneamente. Volerti bene vuol dire anche dedicare del tempo a te stesso, per capire di cosa hai bisogno e per pensare semplicemente a te, non solo sempre agli altri.

  • Individua e organizza i tuoi obiettivi. Nel percorso per capire come volerti bene devi anche capire cosa vuoi per te e darti da fare per rendere reali i tuoi sogni.

  • Agisci dimostrando di volerti bene. Se ti ami davvero lo dimostri! Come nel Coaching, dopo aver organizzato i pensieri si passa all’azione. Dunque, inizia subito facendo qualcosa che dimostri a te stesso la voglia che hai di amarti.



IL COACHING INSEGNA COME AMARE SE STESSI


Nel Coaching la qualità della relazione con gli altri dipende dalla relazione che abbiamo con noi stessi. Se il rapporto con noi stessi non è sano, non riusciremo ad impedirci di proiettare sugli altri i nostri problemi. In che senso il Coaching insegna come amare se stessi? Ad esempio, aiutando le persone a conoscersi, a dare più importanza alle loro qualità che ai loro deficit, accompagnandoli nella scoperta delle loro potenzialità e di come applicarle in tanti ambiti della vita.



come riuscire ad amare gli altri


Se amarsi vuol dire lasciarsi la libertà di essere se stessi, l’amore per gli altri si basa sullo stesso presupposto: avvolgere le persone che ami con il sentimento che permette loro di essere diverse da te. L’amore verso un’altra persona non chiede alcuna risposta, e non domanda all’altro di essere o diventare meritevole di essere amato. Ti dirò di più: l’amore può addirittura prescindere dagli altri.

Dimentica allora ogni ambizione di voler cambiare gli altri. E’ impossibile! Punto. Non si può essere a lungo qualcuno che, in realtà, non si è. Domandati piuttosto quale possa essere il motivo per cui senti il bisogno che gli altri siano come te o che soddisfino le tue aspettative.

Gli altri sono unici, così come lo sei tu. Sei tu l’unica parte su cui puoi agire e che puoi decidere di cambiare. Impegnati ad amare gli altri, sii te stesso e lascia loro il diritto di essere se stessi nel rapporto con te.

46 visualizzazioni